Cosa ci vorrebbe per l’approvazione di un ETF Bitcoin da parte della SEC?

L’approvazione da parte della SEC di un ETF Bitcoin si basa su un modo ingegnoso per contrastare le manipolazioni, una maggiore pressione del mercato o semplicemente un atto di Dio?

In breve

  • L’industria della crittovaluta è desiderosa di capire cosa porterebbe la SEC ad approvare un ETF Bitcoin.
  • La pressione degli investitori e un quadro valido per contrastare la manipolazione del mercato sono due fattori che potrebbero far cambiare opinione.
  • Il consenso è che l’approvazione di un ETF Bitcoin da parte della SEC è inevitabile, se non imminente.

Un ETF Bitcoin approvato dagli Stati Uniti sarebbe una cosa meravigliosa, dicono molti nell’industria della crittovaluta. Se dovesse accadere, la fiducia nella principale moneta criptovariabile del mondo andrebbe alle stelle; gli investitori istituzionali e al dettaglio arriverebbero a frotte e il prezzo del Bitcoin andrebbe alle stelle, o almeno così dice la teoria.

Un ETF, o fondo quotato in borsa, traccia il prezzo di un’attività sottostante (in questo caso Bitcoin) per presentare un veicolo di investimento che offre un’esposizione senza che gli investitori debbano effettivamente detenere l’attività in sé e per sé la crittovaluta presenta alcune sfide, la custodia è solo una di queste.

Ma, ad oggi, la US Securities and Exchange Commission (SEC) si è dimostrata resistente all’idea di un ETF Bitcoin, nonostante i migliori sforzi dell’industria dei prodotti cripto. C’è qualcosa che potrebbe farle cambiare idea?

Una breve storia dell’ETF Bitcoin

Dalla prima applicazione nel 2013, la storia degli sforzi dell’industria dei crittografi per convincere la SEC ad approvare un ETF Bitcoin è disseminata di sogni infranti. Numerosi tentativi sono caduti nel vuoto.

L’ultimo rifiuto di una richiesta da parte della SEC è arrivato nel febbraio 2020. Originariamente presentata dal gestore patrimoniale Wilshire Phoenix nel gennaio 2019, la domanda è stata sottoposta a sei emendamenti prima di essere respinta in modo sommario.

L’industria ha preso nota delle preoccupazioni citate dalla SEC, relative alla limitata protezione degli investitori e alla manipolazione del mercato. Bitcoin non è nativo di una singola borsa valori, il che solleva la preoccupazione che possa essere facilmente manipolato da borse non regolamentate.

Il presidente della SEC Jay Clayton ha detto che rimane aperto ad un ETF Bitcoin, o almeno ad una versione gettonata. Ma questo potrebbe avvenire con un mercato più trasparente, attraverso il diserbo dei trasgressori, o un altro evento non ancora specificato? Ecco alcune possibilità:

Mercati „sufficientemente trasparenti e liquidi“.

Nel 2019, l’ex commissario della SEC Robert Jackson Jr. ha detto che un ETF Bitcoin sarà approvato quando il mercato della crittovaluta sarà sufficientemente trasparente e liquido, e quando aggiungerà operatori più grandi.

Parlando alla conferenza Future of FinTech di CB Insights, Jackson ha affermato che la SEC era riluttante ad approvare le proposte dell’ETF Bitcoin a causa delle preoccupazioni relative a truffe e truffe.

Così com’era, ha detto che l’industria della crittovaluta non aveva soddisfatto i „requisiti di base del mercato“ per consentire il trading di massa.

Un sostanziale e possente aumento del prezzo del Bitcoin

Tom Lee, fondatore della società di consulenza per la ricerca Fundstrat Global Advisors, ha fatto eco al tono un po‘ deprimente che si è manifestato nel 2019. Parlando alla conferenza BlockShow a Singapore nel 2019, ha detto che l’attuale mercato della crittovaluta è semplicemente troppo piccolo per un Bitcoin ETF.

Si è spinto al punto di dire che un singolo Bitcoin dovrebbe valere 150.000 dollari perché un ETF funzioni.

Un quadro per contrastare la manipolazione

„Uno sviluppo che potrebbe potenzialmente risolvere questo problema è la continua maturazione del più ampio mercato della moneta digitale e il graduale miglioramento della sua infrastruttura di mercato – in questo caso gli scambi“, ha detto a Decrypt Charles Bovaird, VP dei contenuti presso la società di ricerca crittografica Quantum Economics.

Nel 2019, la SEC ha delineato due modi per stabilire che un ETF Bitcoin soddisfi i loro criteri, come stabilito nell’Exchange Act 6(b)(5): In primo luogo, che i richiedenti dimostrino che il Bitcoin è „intrinsecamente resistente alle frodi e alle manipolazioni“, e in secondo luogo, che, per qualsiasi quotazione in borsa, il Bitcoin ETF stipula un accordo di sorveglianza con un „mercato regolamentato di dimensioni significative“.

La prima opzione è quasi impossibile da stabilire, ma i quadri per le soluzioni di sorveglianza, che monitorano il rischio di manipolazione su più mercati, sono in fase di sviluppo, tra gli altri, da parte della società di crittografia Solidus Labs.
Il fattore decisivo più probabile è un valido quadro di sorveglianza condiviso per contrastare la manipolazione del mercato.

Matthew Graham

„A nostro avviso, innanzitutto, il fattore decisivo più probabile è una valida struttura di sorveglianza condivisa per contrastare le manipolazioni del mercato“, ha detto Matthew Graham, fondatore della società di investimento crittografica Sino Global Capital, a detta di Decrypt. „Tuttavia, come fattore aggiuntivo, riteniamo che l’aumento dell’interesse istituzionale per Bitcoin migliori sostanzialmente le possibilità di approvazione degli ETF“. Ogni società quotata o fondo istituzionale che investe in Bitcoin trascina il regime normativo un passo più vicino all’inevitabile“.

Mercato diffuso e domanda al dettaglio

„Ad un certo punto, quando la domanda del mercato e la domanda degli investitori spingerà il pendolo su una certa area, [la SEC] probabilmente darà un’altra occhiata a [un Bitcoin ETF], e avrà diversi tipi di considerazioni“, ha detto Chris Hempstead, direttore dello sviluppo del business istituzionale dell’ETF e fornitore di hedge fund IndexIQ, all’ETF Edge della CNBC nel marzo 2020.

Ha aggiunto che il rifiuto più recente è lontano dalla fine della storia, ma ha anche detto che un’approvazione non arriverà presto.

Secondo Ryan Alfred, presidente di Digital Assets Data, un’azienda di fintech specializzata nella crittografia degli asset, la SEC sta cercando prove di una significativa scoperta dei prezzi Bitcoin negli Stati Uniti.

Questo potrebbe accadere. Il picco dei volumi alla borsa dei futures Bitcoin Bakkt ha fornito i primi segnali, ma più recentemente la popolarità del Bitcoin Trust di Grayscale ha sottolineato l’interesse degli investitori istituzionali.

„Dato tutto, ora sappiamo della custodia criptata (vedi Grayscale BTC trust) e della scoperta del prezzo Bitcoin, sembra sciocco a questo punto credere [la SEC] che questi siano effettivamente problemi a questo punto“, ha detto Andy Hoffman, proprietario della società di consulenza CryptoGoldCentral, a Decrypt.

La pressione degli investitori istituzionali

Hoffman ritiene che l’approvazione da parte della SEC di un ETF Bitcoin sia inevitabile. „La pressione esercitata da società di investimento istituzionali legali come Fidelity, Goldman Sachs e JP Morgan – tutti entrati quest’anno nello spazio criptato – renderà impossibile per [la SEC] continuare a fingere che il Bitcoin non esista“, ha detto.

L’Office of the Comptroller of the Currency (OCC), che regola il sistema bancario federale statunitense, ha approvato le banche come custodi di cripto-valuta a luglio, e lo stato del Wyoming ha approvato il Kraken, la prima banca crittografica statunitense, a settembre. „È diventato chiaro che il governo degli Stati Uniti (federale e statale) aveva riconosciuto la necessità di accettare il Bitcoin“, ha aggiunto Hoffman.

Una presidenza Biden?

Mike McGlone, Senior Commodity Specialist di Bloomberg, ritiene che una presidenza più concreta, che potrebbe essere quella di Joe Biden, potrebbe fare la differenza. La nuova leadership, ha twittato, potrebbe „spingere Bitcoin verso il mainstream, migliorando le possibilità dell’ETF“.

Tuttavia, Bovaird non è d’accordo, „Non sono sicuro che averlo alla Casa Bianca avvicinerebbe di più un Bitcoin ETF all’approvazione“, ha detto.

Invece, ha detto che un maggior numero di commissari della SEC come Hester Pierce – che ha espresso il suo sostegno per un ETF Bitcoin nel 2019 e ha recentemente prestato giuramento per un secondo mandato – farebbe la più grande differenza.

Quando la SEC ha abbattuto l’ETF di Wilshire Phoenix nel febbraio 2020, Pierce è stato l’unico a scrivere un dissenso. Ha suggerito che l’agenzia applichi uno „standard elevato“ ai prodotti Bitcoin.

„Se la SEC avesse avuto più commissari sulla sua stessa pagina, avremmo potuto avere una situazione completamente diversa“, ha detto Boviard.

Un ruolo minore per BitMEX

Secondo Travis Kling, co-fondatore del fondo Ikigai Asset Management, la recente azione legale della Commodity Futures Trading Commission statunitense contro la borsa BitMEX delle Seychelles, registrata alle Seychelles, ha aumentato le probabilità di approvazione degli ETF da parte della SEC.

„La SEC ha respinto un ETF specificamente per la manipolazione dei prezzi sulle borse non regolamentate“, ha scritto. „BitMEX è stato il figlio del manifesto per questo. Quindi, nella misura in cui BitMEX scompare o il suo ruolo viene ridotto, un ETF è più probabile“.

Il suo post, pubblicato il 1° ottobre, ha ricevuto fino ad oggi 725 „Mi piace“, suggerendo che molti nella comunità dei crittografi sono d’accordo con la sua opinione.

Il successo dell’ETF Bitcoin delle Bermuda

Nel settembre 2020, l’industria dei prodotti criptati ha preso il cuore quando Hashdex, un gestore di fondi con sede in Brasile, e la borsa americana Nasdaq, hanno lanciato un ETF a valuta criptata alla Borsa delle Bermuda.

È possibile che l’ETF delle Bermuda possa fungere da prova per una quotazione in una borsa valori americana. L’alto grado di penetrazione della tecnologia del paese, combinato con una piccola popolazione, fa delle Bermuda una sandbox ideale per la tecnologia digitale.

Che l’ETF delle Bermuda abbia successo o meno, sarà sicuramente utilizzato in qualsiasi discussione futura con la SEC.

Un ETF Bitcoin: non se, ma quando

„Francamente, non mi sorprenderebbe se una delle vecchie domande venisse approvata quando nessuno se l’aspetta“, ha detto Hoffman.

Mentre gli esperti concordano sul fatto che, a causa delle elezioni presidenziali, un Bitcoin ETF è improbabile quest’anno, la maggior parte pensa che sia solo una questione di tempo; come ha twittato Anthony Pompliano, co-fondatore di Morgan Creek Digital, nell’ottobre 2019, un Bitcoin ETF che viene approvato è „Non è una questione di se, ma di quando“.

Sia che si tratti di pressioni da parte degli investitori, di un graduale cambiamento tra i ranghi della SEC, di una presidenza Biden o di una valida struttura di sorveglianza condivisa per contrastare le manipolazioni del mercato, i pezzi si stanno lentamente muovendo per far sì che un Bitcoin ETF diventi redditizio negli Stati Uniti.